Benvenuto nell'area riservata agli Odontotecnici!

HomeOdontotecnici ArticoliUna protesi dall’aspetto naturale

Una protesi dall’aspetto naturale

La realizzazione di una protesi totale rimovibile è complessa: si va dal progetto valutato insieme al clinico e al paziente, fino al risultato finale che dovrà avere un aspetto naturale e assicurare una lunga durata. L’odontotecnico tedesco Horst-Dieter Kraus mostra, tramite il caso clinico di una paziente, come sia possibile combinare perfettamente tra loro i denti Pala e le faccette PalaVeneer.

Per realizzare una protesi totale estetica e di lunga durata, l’odontotecnico e l’odontoiatra devono sviluppare e mantenere un concetto comune: dall’impronta e dal rilevamento di tutte le importanti informazioni, fino alla finitura, il montaggio e il controllo della precisione della superficie basale.

Situazione di partenza

Protesi in situ da più di 18 anni con un’occlusione ormai alterata (Fig. 1). L’arcata inferiore avrebbe dovuto ricevere quattro impianti come elementi di ancoraggio per realizzare poi una protesi su corone telescopiche. I vantaggi di questo processo sono la posizione sicura e l’assenza di punti di compressione gengivale normalmente causati da una protesi supportata esclusivamente dalle mucose. Inoltre, questa soluzione permette di effettuare una corretta igiene orale. Poiché questa soluzione terapeutica permette di effettuare eventuali riparazioni e ribasature, la paziente riceve una protesi di lunga durata e qualitativamente di alto valore.

Fig. 1 La situazione iniziale: protesi superiore e inferiore mostrano la necessità di un intervento.

Progettazione e modelli maestri

Fig. 2 Impronta: impronta degli impianti con un cucchiaio individuale

All’inizio del trattamento odontoiatra, odontotecnico e paziente hanno valutato la situazione iniziale e si sono confrontati su come fosse meglio intervenire. In seguito è stato eseguito il trattamento implantologico. Dopo l’osteointegrazione dei quattro impianti posizionati nell’arcata inferiore, è iniziata la realizzazione della protesi. L’impronta degli impianti è stata presa con un cucchiaio individuale (Fig. 2). Per l’impronta funzionale superiore è stata usata la vecchia protesi come base di supporto. Con movimenti funzionali, le rilevanti parti anatomiche sono state completamente riprodotte. Dopo la realizzazione dei modelli maestri, l’odontotecnico ha realizzato le basette per la definizione dell’occlusione. La dimensione verticale è stata orientata all’altezza della vecchia protesi.

Scelta dei denti e montaggio in cera

La scelta dei denti desiderati (Pala Premium 6) è stata fatta insieme, in base a criteri come vecchie fotografie, larghezza del naso, punte dei denti canini ecc. (Fig 3). La gamma di denti Pala Premium offre una generosa scelta di forme naturali. La forma del corpo dei denti presenta dei vantaggi in quanto, grazie alla base larga, le zone interdentali appaiono molto naturali. Il dente Premium è inoltre caratterizzato da una fine tessitura superficiale; la morfologia dei denti naturali è stata riprodotta in modo ideale. Il cosiddetto 3D-Multilayering è una stratificazione interna del colore che permette alle proprietà ottiche del dente di apparire in tutta la loro naturalezza. Il principio Pala Mix & Match offre anche grandi vantaggi, come, per esempio, l’integrazione delle faccette PalaVeneer (Fig.4).

Fig. 3 Scelta: denti Pala Premium 6 per la protesi inferiore
Fig. 3 Scelta: denti Pala Premium 6 per la protesi inferiore
Fig. 4 Faccette: fissaggio semplice con la dentina PalaVeneer
Fig. 4 Faccette: fissaggio semplice con la dentina PalaVeneer

Protesi inferiore su corone telescopiche

Dopo la valutazione di numerose forme è stato deciso di usare i denti tondeggianti e “morbidi” Pala Premium, forma O4 del colore A2. Il montaggio dei denti anteriori è stato eseguito direttamente nel cavo orale della paziente, secondo criteri estetici, anatomici e fonetici. È stato rispettato un protocollo di procedimento iniziato con il posizionamento dei due centrali incisivi superiori. Le linee di riferimento – la linea mediana, la superficie occlusale, la linea del sorriso hanno dato indizi importanti. I denti sono stati montati contro il vallo occlusale inferiore. Successivamente sono stati posizionati gli incisivi laterali e i canini. La valutazione del profilo del viso con i denti anteriori montati è stata positiva. La linea mediana è stata quindi trasferita al vallo di cera dell’arcata inferiore e i denti anteriori inferiori Pala Premium hanno potuto essere montati in armonia con i denti superiori. Successivamente è stata realizzata la struttura per la protesi con corone telescopiche.

Il montaggio completo dei denti è stato “fissato” con una mascherina in silicone, in modo da poter essere riutilizzato in qualunque momento. Per l’ancoraggio delle doppie corone della protesi totale su impianti sono stati usati oro, resina e abutment. Il canale per la vite delle basi prefabbricate era di plastica calcinabile. Per la sovrastruttura, l’odontotecnico ha modellato una struttura monoblocco poi fusa con una lega ad alto contenuto aureo.

La registrazione finale dell’occlusione è stata eseguita durante la prova della struttura in metallo. Contemporaneamente è stato anche deciso il posizionamento dei molari superiori, per i quali sono stati usati i denti posteriori Pala Idealis che, grazie al concetto Pala Mix&Match possono essere combinati in modo eccellente con i denti frontali Pala Premium (Fig. 5). Con la loro forma morfologica questi denti sono ideali per la gerontoprotesi. Le grandi superfici prossimali, con le loro fissure piatte, permettono la chiusura interdentale e facilitano la pulizia.

Fig. 5 Montaggio: Pala Idealis in occlusione corretta, secondo l’età della paziente
Fig. 5 Montaggio: Pala Idealis in occlusione corretta, secondo l’età della paziente

Materiali moderni

Le classiche regole della protesi totale prevedono una stretta collaborazione tra odontotecnico, odontoiatra e paziente. Inoltre, moderni materiali completano il concetto terapeutico. Nel caso qui presentato sono state realizzate delle precise corone primarie sugli impianti nell’arcata inferiore. Inoltre, i denti per protesi Pala e l concetto Pala Mix & Match supportano in numerosi modi il concetto terapeutico di successo: grazie alla realizzazione completamente anatomica dei denti, la forma identica alla natura, come pure alle ottimali proprietà ottiche, il risultato si è rivelato molto estetico (Fig. 6).

Fig. 6 Risultato: prodotti moderni e concetti classici per una protesi funzionale
Fig. 6 Risultato: prodotti moderni e concetti classici per una protesi funzionale



La realizzazione morfologica dei denti posteriori permette un montaggio gnatologico ideale. Con le faccette PalaVeneer, la protesi inferiore su telescopiche ha potuto ottenere un buon risultato estetico. Inoltre, grazie al brevetto di Kulzer Flexecure®, i denti della protesi hanno una elevata resistenza all’abrasione.

Kulzer Bloghttp://www.kulzer-dental.it
Via Console Flaminio 5/7 20134 Milano | +39 02 210 0941 | info-italy@kulzer-dental.com

Non perderti le ultime novità di Kulzer

Leggi anche

Una lucentezza spettacolare per i tuoi restauri in composito

Volker Kannen, Consulente tecnico di Kulzer, racconta come riesce ad ottenere una vera "lucentezza spettacolare": utilizzando il gel isolante Signum Insulating Gel

Preparazioni verticali protesiche: una proposta per la loro risoluzione con il flusso digitale mediante stampa 3D

In questo articolo approfondiamo come praticamente si può risolvere un caso clinico di preparazioni verticali mediante il flusso digitale.

Garanzia fino a 10 anni

Le cose preziose vanno garantite. Per questo Kulzer offre una garanzia sui denti acrilici Pala e Delara fino a 10 anni.