Benvenuto nell'area riservata a Odontoiatri e Igienisti Dentali!

STAMP TECHNIQUE: mai stato così facile modellare un restauro diretto posteriore!

Molto spesso quando eseguiamo un restauro diretto posteriore, soprattutto se esteso, abbiamo difficoltà ad ottenerne un’anatomia soddisfacente. Oltre che perfettamente in occlusione. Per cui se l’elemento cariato si presenta con una superficie occlusale completamente preservata, bisogna necessariamente sfruttare quest’occasione.

Che fare?

  1. Prima di tutto montiamo la diga prima di rimuovere la lesione cariosa. A questo punto dobbiamo creare uno stampo delle superficie occlusale del dente da restaurare.
  2. Isoliamo tutto il tavolato occlusale con della vaselina in gel, assicurandosi di aver rimosso tutti gli eventuali residui.
  3. Iniettiamo del composito flowable bulk all’interno del sistema dei solchi ed immergiamo un microbrush all’interno: ora polimerizziamo
  4. Apportiamo ulteriore bulk sul microbrush e raggiungiamo le superfici mesiali, distali, orale e vestibolari: polimerizziamo. Ora possiamo rimuovere il microbrush con il nostro stampo annesso
  5. Rimuoviamo la lesione cariosa, eseguiamo i passaggi adesivi e ricostruiamo le pareti interprossimali. Dopo aver polimerizzato controlliamo lo stampo per valutare che le creste marginali non siano troppo alte da evitare l’inserimento dello stampo: in tal caso, vanno correggete a fresa
  6. Completiamo il restauro, lasciamo l’ultimo strato di circa 1.5 mm non polimerizzato
  7. Ricopriamo il composito con una striscia di teflon
  8. Posizioniamo lo stampo sul teflon e lo spingiamo all’interno della cavità, dando al composito compatto non polimerizzato la forma dello stampo stesso
  9. Prima di polimerizzare rimuovere lo stampo e il teflon, eliminando gli eccessi dai bordi e quindi polimerizzare
  10. Non ci resta che completare la rifinitura e lucidatura del nostro restauro 💣💣

Guarda la Gallery Completa

Dottor Edoardo Fossati
Dottor Edoardo Fossati
Laureato in Odontoiatria e Protesi con votazione 110/110 lode e dignità di stampa nel 2015, con tesi pubblicata su una rivista internazionale del settore nel 2018. Specializzato in Odontoiatria Restaurativa Estetica ed in Implantologia con frequenza corsi nazionali ed internazionali dal 2016 al 2017. Master Universitario di II livello in Oral Medicine and Oral Pathology con votazione di 110/110 con lode nel 2017 presso l’Università degli studi di Torino e l’International Postgraduate Program in Chirurgia Parodontale all’Università Vita Salute San Raffaele di Milano nel 2018. Tutor e relatore presso corsi e conferenze nazionali, principalmente di Restaurativa estetica, Implantologia e Patologia Orale. Svolge attività di chirurgo orale come volontario presso strutture ospedaliere ed in missioni internazionali.

Non perderti le ultime novità di Kulzer

Leggi anche

La nuova soluzione PRO per la stampa 3D

La nuova soluzione cara Print PRO di Kulzer per la stampa 3D unisce produttività, accuratezza di risultati e affidabilità, in un flusso completo e...

Una lucentezza spettacolare per i tuoi restauri in composito

Volker Kannen, Consulente tecnico di Kulzer, racconta come riesce ad ottenere una vera "lucentezza spettacolare": utilizzando il gel isolante Signum Insulating Gel

Preparazioni verticali protesiche: una proposta per la loro risoluzione con il flusso digitale mediante stampa 3D

In questo articolo approfondiamo come praticamente si può risolvere un caso clinico di preparazioni verticali mediante il flusso digitale.