Benvenuto nell'area riservata a Odontoiatri e Igienisti Dentali!

PARETI RESIDUE SOTTILI

come posso gestirle per eseguire un restauro diretto posteriore durevole nel tempo?

Talvolta ci troviamo di fronte a situazioni limite, come in questo caso in cui, rimossa tutta la lesione cariosa sull’elemento 25, abbiamo difficoltà ad isolare correttamente il gradino cervicale, intravediamo la polpa ed, inoltre, abbiamo una parete residue spessa cerca 1.5 mm. Che si fa? Eseguo un restauro diretto od indiretto?

Prima di tutto faccio una serie di considerazioni che mi spingeranno in una direzione piuttosto che in un’altra:

  • il dente è vitale?
  • Com’è la qualità delle pareti residue?
  • La paziente è completamente dentata oppure ha un carico masticatorio maggiore nella zona del dente da restaurare?
  • Sono osservabili segni di parafunzione?

Restauro diretto con pareti residue sottili

Di fronte a fattori occlusali favorevoli ed a pareti residue di buona qualità prive di crack si sceglie di eseguire un restauro diretto, avendo cura di usare materiali e tecnica di stratificazione ben precisi:

  1. Adesione con adesivo universale iBond Universal mordenzando selettivamente solo lo smalto, per evitare di traumatizzare la polpa
  2. Ricostruzione di entrambe le pareti interprossimali
  3. Stratificazione obliqua, lavorando prima sulla parete più spessa: applicazione di Venus Bulk Flow One per la dentina e Venus Pearl A2 per lo smalto
  4. Secondo strato obliquo sulla parete sottile: prima bulk e poi body. Si sceglie di stratificare in un secondo momento la parete sottile in modo che lo stress da contrazione si distribuisca su entrambe le pareti.
  5. A restauro completato si esegue la lucidatura ed il controllo occlusale.

Al follow up di 3 anni non si osservano fratture segni e sintomi compatibili con una pulpite irreversibile.

Guarda la video Gallery Completa

Dottor Edoardo Fossati
Dottor Edoardo Fossati
Laureato in Odontoiatria e Protesi con votazione 110/110 lode e dignità di stampa nel 2015, con tesi pubblicata su una rivista internazionale del settore nel 2018. Specializzato in Odontoiatria Restaurativa Estetica ed in Implantologia con frequenza corsi nazionali ed internazionali dal 2016 al 2017. Master Universitario di II livello in Oral Medicine and Oral Pathology con votazione di 110/110 con lode nel 2017 presso l’Università degli studi di Torino e l’International Postgraduate Program in Chirurgia Parodontale all’Università Vita Salute San Raffaele di Milano nel 2018. Tutor e relatore presso corsi e conferenze nazionali, principalmente di Restaurativa estetica, Implantologia e Patologia Orale. Svolge attività di chirurgo orale come volontario presso strutture ospedaliere ed in missioni internazionali.

Non perderti le ultime novità di Kulzer

Leggi anche

La nuova soluzione PRO per la stampa 3D

La nuova soluzione cara Print PRO di Kulzer per la stampa 3D unisce produttività, accuratezza di risultati e affidabilità, in un flusso completo e...

Una lucentezza spettacolare per i tuoi restauri in composito

Volker Kannen, Consulente tecnico di Kulzer, racconta come riesce ad ottenere una vera "lucentezza spettacolare": utilizzando il gel isolante Signum Insulating Gel

Preparazioni verticali protesiche: una proposta per la loro risoluzione con il flusso digitale mediante stampa 3D

In questo articolo approfondiamo come praticamente si può risolvere un caso clinico di preparazioni verticali mediante il flusso digitale.